Benefici Delle Prugne

Negli ultimi dieci anni, i ricercatori hanno fatto grandi progressi nella identificazione e nell’incomprensione degli effetti positivi del consumo di prugne sulla salute delle ossa e dell’intestino.

L’energia delle Prugne della California comprende importanti vitamine, minerali, antiossidanti e fibre. Tutti questi nutrienti costituiscono un insieme di funzioni vitali che supportano complessivamente la salute e il sistema immunitario.

100g di Prugne della California contengono:

  • 7g di fibre
  • 15g di sorbitolo
  • 59,5mcg di vitamina K (79% RI)
  • 735mg di potassio (37% RI)
  • 0,21mg di vitamina B6 (15% RI)
  • 0,281mg di rame (28% RI)
  • 0,299mg di manganese (15%RI)

(RI = reference intake o apporto di riferimento)

Benefici Principali

Le Prugne della California dicono “no” a zuccheri aggiunti (contengono solo zuccheri naturali), sale e grassi. Quindi è facile (e intelligente) dire “sì” a questo succoso frutto. Inoltre, con il loro sapore dolce e delizioso, sono perfette come snack, ma anche a colazione, pranzo o cena.

Salute delle Ossa

Avere ossa forti e sane è alla base di una vitalità che dura per tutta la vita. Le prugne contengono sostanze nutrienti che influenzano la salute delle ossa, tra cui vitamina K e manganese. Alcune ricerche interessanti stanno studiando il complesso ruolo delle prugne nella salute delle ossa.

Zero grassi

Le prugne non contengono grassi e neppure grassi saturi. Un minore consumo di grassi saturi contribuisce a mantenere livelli normali di colesterolo nel sangue.

Salute dell’intestino

Le prugne vantano un mix unico di fibre e sorbitolo:100g di prugne al giorno aiutano la regolarità intestinale. 100g di Prugne della California contengono ben 7g di fibre (solubili e insolubili).

Zero Zuccheri Aggiunti

Con meno di 100 calorie a porzione (4-5 prugne corrispondono a 38g), le Prugne della California sono buone, dolci e prive di zuccheri aggiunti; contengono infatti solo zuccheri naturali: fruttosio, glucosio e una piccola percentuale di saccarosio. Includono anche sorbitolo, un alditolo che viene assorbito in modo parziale e graduale dall’intestino e che rappresenta un buon mezzo per la produzione di microrganismi intestinali.